EVENTI

LA GESTIONE TERRITORIALE DEL PAZIENTE COMPLESSO

LA GESTIONE TERRITORIALE DEL PAZIENTE COMPLESSO

30/10/2020

LAZISE (VR)

La gestione di pazienti complessi rappresenta ad oggi un modello di lavoro integrato tra specialisti e MMG dove lo scambio di informazioni ed il coordinamento delle varie figure coinvolte è fondamentale per ottimizzare i risultati terapeutici ed utilizzare in modo razionale le risorse disponibili. La prevenzione cardiovascolare, priorità indicata dalle Linee Guida, e la gestione della terapia in pazienti con plurime problematiche, sottoposti a procedure sempre più complesse, rende necessaria la stretta collaborazione tra specialisti in modo da creare una “rete” ospedale – territorio in grado di individuare i pazienti a rischio, di stilare rapidamente un percorso diagnostico condiviso, di instaurare precocemente le terapie farmacologiche e interventistiche ottimali e di ottimizzare il follow-up. Si approfondirà il tema dell’ipertensione arteriosa, problema sociale in continua crescita, che rappresenta oggi uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare ed è responsabile di circa 7 milioni di morti all’anno nel mondo. Il trattamento dell’ipertensione è una delle difficoltà più sfidanti della nostra epoca in ragione dell’elevata prevalenza, della complessità e della necessità di adeguare le strategie terapeutiche alle caratteristiche del paziente, per aumentare l’efficacia del trattamento e favorire la tollerabilità soggettiva e l’aderenza terapeutica. Alla luce delle costanti e nuove ricerche in questo ambito il corso si propone di migliorare e aggiornare le conoscenze in tema di ipertensione arteriosa e rischi correlati, con uno sguardo particolare a quelle che sono le possibili opzioni terapeutiche, in base alle evidenze scientifiche e alle raccomandazioni delle Linee Guida. Un particolare attenzione verrà data alla gestione del paziente iperteso più complesso come il diabetico, l’anziano e il non controllato, sia da un punto di vista terapeutico che da un punto di vista comunicazionale. Come indicato dai dati OSMED, infine, la aderenza e persistenza in terapia antiipertensiva rappresentano un problema nel problema: di 100 compresse di farmaco antiipertensivo, con ampie differenze tra classe e classe di farmaci e farmaci in combinazione fissa oppure estemporanea, i pazienti italiani ne assumono mediamente 60- 70. Quanto sopra esposto, ovviamente, ha importanti ripercussioni sull’incidenza di malattia ipertensiva – vale a dire sulla trasformazione dell’ipertensione Arteriosa in malattia vera e propria – e sulla spesa sanitaria. Per questo è fondamentale imparare a conoscere non solo come si misura la pressione arteriosa, si stadia il rischio cardiovascolare e si disegna la migliore strategia terapeutica, bensì – anzi soprattutto – come si valuta il danno d’organo e si interviene per impedirne la progressione. E’ il danno d’organo, infatti, che determina la riduzione di qualità e quantità di vita del nel paziente iperteso e/o con rischio cardiovascolare di una sia pur minima entità. È il danno d’organo, pertanto, che dobbiamo imparare a valutare, prevenire e curare la mortalità. Ulteriore argomento in trattazione è lo scompenso cardiaco. La prevalenza dello scompenso cardiaco ha raggiunto proporzioni di una vera e propria epidemia. Si stima che i pazienti affetti da scompenso cardiaco siano oltre 15 milioni in Europa e oltre 730.000 in Italia. L’invecchiamento della popolazione e l’aumento persistente dei fattori predisponenti (ipertensione, diabete, cardiopatia ischemica) indicano che il numero di pazienti con scompenso cardiaco continuerà a crescere. Lo scompenso cardiaco rappresenta già ora la principale causa di ospedalizzazione e, di fatto, la morbilità e la mortalità di questa sindrome superano quelle di molte neoplasie, nonostante i miglioramenti ottenuti fino ad oggi nel management dei pazienti ambulatoriali. Obiettivo di questo incontro è una condivisione della propria realtà quotidiana di gestione dei pazienti da trattare per un’ottimizzazione della terapia.


L'evento si svolgerà nei giorni 30 e 31 ottobre 2020 a Lazise, presso Hotel Parchi del Garda.
 


Location

Summeet S.r.l.
Via Paolo Maspero, 5
21100 - Varese
P.IVA: 03106080124

Tel. +39 0332 231416
Fax +39 0332 317748
info@summeet.it

capitale sociale: Euro 11.000 i. v.
privacy e cookie policy

certificato n. 102354A

Provider ECM n. 604
(Accreditato con il nuovo sistema ECM)
note legali - credits

ASSOCIATI A