EVENTI

PROGETTO CUSTOM TOOLBOX - STRUMENTI METODOLOGICI PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE IPERTESO IN MEDICINA GENERALE

PROGETTO CUSTOM TOOLBOX - STRUMENTI METODOLOGICI PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE IPERTESO IN MEDICINA GENERALE

12/12/2020

Brescia

La malattia ipertensiva rappresenta in Italia il più rilevante fattore di rischio per infarto miocardico e/o cerebrale (prime due cause di morte nella nostra penisola), scompenso cardiaco, insufficienza renale cronica e/o fibrillazione atriale. Più del 30% della popolazione italiana adulta è affetta da ipertensione arteriosa, con percentuali ampiamente superiori nelle fasce più avanzate di età e quasi il 10% tra bambini ed adolescenti che risultano già ipertesi. Sebbene nella maggior parte dei casi l’ipertensione arteriosa risulti controllata dalla terapia, circa il 35% degli italiani ipertesi presenta – malgrado la terapia – valori pressori superiori a 140/90 mmHg. Almeno il 30% degli italiani, inoltre, sono ipertesi, ma ignorano del tutto di esserlo.
Come indicato dai dati OSMED, infine, la aderenza e persistenza in terapia antiipertensiva rappresentano un problema nel problema: di 100 compresse di farmaco antiipertensivo, con ampie differenze tra classe e classe di farmaci e farmaci in combinazione fissa oppure estemporanea, i pazienti italiani ne assumono mediamente 60- 70. Quanto sopra esposto, ovviamente, ha importanti ripercussioni sull’incidenza di malattia ipertensiva – vale a dire sulla trasformazione dell’ipertensione Arteriosa in malattia vera e propria – e sulla spesa sanitaria. Per questo è fondamentale imparare a conoscere non solo come si misura la pressione arteriosa, si stadia il rischio cardiovascolare e si disegna la migliore strategia terapeutica, bensì – anzi soprattutto – come si valuta il danno d’organo e si interviene per impedirne la progressione. E’ il danno d’organo, infatti, che determina la riduzione di qualità e quantità di vita del nel paziente iperteso e/o con rischio cardiovascolare di una sia pur minima entità. È il danno d’organo, pertanto, che dobbiamo imparare a valutare, prevenire e curare.
 
Il progetto si pone gli obiettivi di:

  • Ottimizzare l’uso dei trattamenti terapeutici già in atto con un focus particolare sulle nuove indicazioni, attraverso una puntuale ricognizione dei Soggetti/Centri che gestiscono tali terapie ed una verifica della qualità media del trattamento.
  • Fornire strumenti metodologici utili per guidare la scelta dei clinici nella definizione della terapia; identificare percorsi clinici condivisi per la presa in carico e il follow-up dei pazienti in trattamento;
  • Creare un protocollo di gestione comune con il coinvolgimento degli specialisti coinvolti nella gestione ed individuazione del paziente complesso
  • Mettere il paziente in prima linea
  • Migliorare l’aderenza e promuovere un corretto utilizzo delle terapie: differenziazione tra le varie soluzioni presenti
  • Trattare il paziente nel posto, tempo e modo giusto
  • Creare link tra specialisti in un’ottica di lavoro quotidiana in costante crescita
Il corso è in programma il prossimo 12 dicembre presso Park Hotel Cà Nöa, Brescia in collaborazione con Sanofi.


Location

Park Hotel Cà Nöa

Via Triumplina, 66 - 25123 Brescia

Materiali utili



Summeet S.r.l.
Via Paolo Maspero, 5
21100 - Varese
P.IVA: 03106080124

Tel. +39 0332 231416
Fax +39 0332 317748
info@summeet.it

capitale sociale: Euro 11.000 i. v.
privacy e cookie policy


certificato n. 102354A

Provider ECM n. 604
(Accreditato con il nuovo sistema ECM)
note legali - credits

ASSOCIATI A