EVENTI

PROGETTO WAVE Sull’onda dello Scompenso Cardiaco: la gestione del paziente nella real life

PROGETTO WAVE Sull’onda dello Scompenso Cardiaco: la gestione del paziente nella real life

02/12/2019

Roma

La prevenzione cardiovascolare (CV) nei pazienti ad alto rischio CV è la priorità indicata dalla Linea Guida (LG) sulla prevenzione CV e l’intervento caratterizzato dal miglior rapporto costo/beneficio. I dati di letteratura indicano che, in questi pazienti, il trattamento è sub-ottimale e che questo è causa, ogni anno, di migliaia di eventi CV potenzialmente evitabili. Vi è unanime consenso sull’urgenza di migliorare la pratica professionale ed avvicinarla alle evidenze ed ai contenuti di LG e documenti scientifici di riferimento. Sono disponibili strumenti di miglioramento utilizzabili nella realtà quotidiana, caratterizzati anch’essi da un rapporto costo/efficacia molto favorevole. La gestione di pazienti con patologie cardiovascolari rappresenta ad oggi un modello di lavoro integrato tra medici specialisti, nonché tra ospedale e territorio. Lo scambio di informazioni ed il coordinamento delle varie figure coinvolte è fondamentale per ottimizzare i risultati terapeutici ed utilizzare in modo razionale le risorse disponibili. La prevenzione cardiovascolare, priorità indicata dalla linea guida, e la gestione della terapia in pazienti con plurime problematiche, sottoposti a procedure sempre più complesse, rende necessaria la stretta collaborazione tra gli specialisti. L’obiettivo di questo progetto è delineare il percorso del paziente cardiovascolare con scompenso dall’accesso in Ospedale fino al Reparto. La prevalenza dello scompenso cardiaco ha raggiunto proporzioni di una vera e propria epidemia. Si stima che i pazienti affetti da scompenso cardiaco siano oltre 15 milioni in Europa e oltre 730.000 in Italia. L’invecchiamento della popolazione e l’aumento persistente dei fattori predisponenti (ipertensione, diabete, cardiopatia ischemica) indicano che il numero di pazienti con scompenso cardiaco continuerà a crescere. Lo scompenso cardiaco rappresenta già ora la principale causa di ospedalizzazione e, di fatto, la morbilità e la mortalità di questa sindrome superano quelle di molte neoplasie, nonostante i miglioramenti ottenuti fino ad oggi nel management dei pazienti ambulatoriali. Allo stato attuale la terapia maggiormente utilizzata per la cura dello scompenso cardiaco prevede l'utilizzo degli inibitori del sistema reninaangiotensina- aldosterone e dei beta bloccanti, farmaci che nel corso degli anni hanno cambiato la storia naturale della malattia. Ciò che però continua a preoccupare sono le ospedalizzazioni, anche ripetute, e l’elevata mortalità.

L'evento è in programma il giorno 2 dicembre 2019 a Roma, presso l'Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata, con il contributo non condizionante di NOVARTIS.


Location

Materiali utili

Summeet S.r.l.
Via Paolo Maspero, 5
21100 - Varese
P.IVA: 03106080124

Tel. +39 0332 231416
Fax +39 0332 317748
info@summeet.it

capitale sociale: Euro 11.000 i. v.
privacy e cookie policy

certificato n. 102354A

Provider ECM n. 604
(Accreditato con il nuovo sistema ECM)
note legali - credits