18/09/2018
Omegna (VB)

LIVER MEETING MMG - Percorsi di diagnosi e cura facilitati nel trattamento dell’Epatite C: dall’Ospedale al Territorio all’Ospedale

L'evento

L'Italia si attesta al primo posto in Europa per numero di persone positive al virus dell'Epatite C, con circa 1,4 milioni di pazienti, 1.000 nuovi casi e 20 mila decessi per anno. Le epatiti virali in Italia rappresentano la prima causa di cirrosi epatica e di ricovero ospedaliero in ambito gastroenterologico. Le attuali linee guida enfatizzano la possibilità di rendere eleggibili alla terapia antivirale con i nuovi farmaci, oggi a nostra disposizione, tutti i pazienti affetti da epatite C. Tuttavia, il percorso di diagnosi e cura dell'epatite C è pieno di ostacoli soprattutto per i pazienti underserved. Il progetto vuole abbattere le barriere con campagne di sensibilizzazione che partono dalla strada. Attraverso i Liver Meeting le diverse figure professionali si organizzano ed elaborano percorsi facilitati e differenziati di accesso alle cure per una presa in carico del paziente che garantisce equità. Fino ad oggi hanno usufruito della terapia con farmaci innovativi per l’epatite C prevalentemente i pazienti con malattia più severa, maggiormente consapevoli, e più facilmente raggiungibili dal SSN. Ma accanto a questa fascia di popolazione esistono pazienti che frequentano gli ambulatori di Medicina Generale che sono ignari del loro stato di infezione ed altri che ancora temono gli effetti collaterali di una eventuale terapia o si autoescludono perché si ritengono non sufficientemente gravi o perché troppo anziani. Inoltre, la presa in carico delle popolazioni a maggiore rischio di infezione da HCV (Ser.D, comunità terapeutiche, regime carcerario) richiede lo sviluppo di modelli organizzativi più integrati e flessibili capaci di esercitare le diverse tappe di screening, di referral e di counseling motivazionale nello stesso luogo di presa in carico del paziente. Le diverse fasi del percorso variano inevitabilmente a seconda del contesto in cui ci troviamo ad operare e per questo il progetto mira a sviluppare percorsi differenziati cosicché non sia il paziente in difficoltà a dover superare gli ostacoli ma i diversi stakeholder ad abbatterli. Nei Ser.D. e nelle carceri bisognerà implementare la fase di screening e fornire informazioni sulla modalità di contagio della malattia. La fase di screening dovrà essere accompagnata da colloqui motivazionali che trasferiscano i principi di base per la riduzione del danno e la prevenzione della re-infezione. L'outcome scientifico che ci proponiamo di raggiungere è quello di precisare meglio l'attuale prevalenza dell'infezione nel nostro quadrante di popolazione target e partendo da questo dato riuscire ad abbattere il gap esistente tra numero di pazienti potenzialmente eleggibili al trattamento e pazienti effettivamente trattati con l'obiettivo di garantire equità di accesso alle cure.

Il corso ECM è in programma il prossimo 18 settembre 2018, presso ASL VCO – Distretto Sanitario di Omegna, in collaborazione con GILEAD.

Iscriviti all'evento


AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DATI
Dichiaro di aver letto l'informativa di cui all'art. 13 del D. Lgs 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento EU 679/2016 esprimendo il mio consenso al trattamento e alla comunicazione dei miei dati per le finalità informative e promozionali indicate al punto 2.
Il sottoscritto, acquisite le informazioni di cui al D. Lgs. 196/2003 e al Regolamento EU 679/2016, conferisce il proprio consenso all'uso delle proprie fotografie e immagini per la pubblicazione sul sito internet di Summeet, escludendo la cessione a terzi. The undersigned, having acquired the information pursuant to Legislative Decree 196/2003 and the EU Regulation 679/2016, gives his consent to the use of his photographs and images for publication on the Summeet website, excluding the sale to third parties.

Location