15/09/2018
Vicenza

Senza aderenza si perde il controllo

L'evento

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morbilità e mortalità nei paesi occidentali. L'ipertensione arteriosa è il fattore di rischio cardiovascolare più rilevante, con una prevalenza del 40% circa, nella popolazione adulta italiana. In Europa meno del 50% dei pazienti ipertesi viene trattato farmacologicamente, e tra i pazienti trattati la percentuale di quelli con valori pressori ben controllati è decisamente sconfortante (meno del 40%).  Questo è dovuto non solo alla scarsa aderenza dei pazienti alla terapia, ma anche ad una conoscenza inadeguata del problema da parte del medico.  Per ovviare a tale problema è necessaria un'opera di costante sensibilizzazione sulla gestione del paziente iperteso, sia ad alto che a basso rischio cardiovascolare con diversi fattori di rischio, rivolta soprattutto ai medici che più spesso devono gestire i pazienti ipertesi (cioè ai Medici di Medicina Generale, Cardiologi, specialisti in Medicina Interna o Geriatria) che devono essere opportunamente aggiornati sulle novità in campo diagnostico e terapeutico di questa condizione. Infatti, la gestione del paziente iperteso, soprattutto se complicato da diabete mellito da dislipidemie o da nefropatia o da pregressi eventi cardiovascolari, richiede spesso l’intervento dello specialista (Cardiologo, Nefrologo, Geriatra o Internista che si occupa di ipertensione) in accordo con il Medico di Medicina Generale.  In tal senso è importante che i Medici di Medicina Generale e gli specialisti del territorio di riferimento abbiano un unico metodo condiviso e sinergico. Le linee-guida nazionali e internazionali giustamente insistono sulla necessità di una corretta stratificazione del rischio negli ipertesi, che preveda una serie d’indagini di laboratorio e strumentali il cui valore diagnostico e prognostico sarà oggetto di relazioni e discussioni interattive su casi clinici reali durante l’incontro informativo. Sarà dedicato spazio anche alle misure non farmacologiche e al trattamento farmacologico precoce, per evitare che il danno cardiovascolare subclinico indotto dall'ipertensione divenga poi difficilmente controllabile.  Inoltre verrà affrontata l’importanza dell’impatto economico che le visite specialistiche, gli esami clinico-strumentali e la terapia farmacologica posso no avere sui costi del Sistema Sanitario.

L'evento è in programma a Vicenza presso Viest Hotel il prossimo 15 Settembre in collaborazione con Servier.

Iscriviti all'evento


AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DATI
Dichiaro di aver letto l'informativa di cui all'art. 13 del D. Lgs 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento EU 679/2016 esprimendo il mio consenso al trattamento e alla comunicazione dei miei dati per le finalità informative e promozionali indicate al punto 2.
Il sottoscritto, acquisite le informazioni di cui al D. Lgs. 196/2003 e al Regolamento EU 679/2016, conferisce il proprio consenso all'uso delle proprie fotografie e immagini per la pubblicazione sul sito internet di Summeet, escludendo la cessione a terzi. The undersigned, having acquired the information pursuant to Legislative Decree 196/2003 and the EU Regulation 679/2016, gives his consent to the use of his photographs and images for publication on the Summeet website, excluding the sale to third parties.

Location

Viest Hotel

Via Uberto Scarpelli 41
36100 Vicenza
0444 582677