22/06/2017

PROGETTO HANDS-ON FA e TVP: dalla diagnosi precoce alla terapia… I DOAC: dalla teoria alla pratica clinica

L'evento

RAZIONALE SCIENTIFICO
 
La fibrillazione atriale è una delle aritmie più diffuse nella popolazione generale soprattutto negli anziani, e con un indice di incremento di frequenza che arriva fino a un 4/5% nella popolazione generale.              La FA si correla a scompenso cardiaco ma soprattutto a eventi ischemici cerebrali, purtroppo assai frequenti in quei pazienti dove la terapia anticoagulante risultate essere inefficace e/o non appropriata.     I nuovi anticoagulanti orali (NAO) rappresentano una significativa evoluzione e progresso nella terapia come sentendo una maggiore efficacia, facilità d'uso nonché compliance da parte dei pazienti in confronto ai vecchi dicumarolici. Peraltro recenti studi hanno dimostrato che nel nostro paese i NAO sono ancora ampiamente sottoutilizzati, probabilmente per ancora scarsa conoscenza e difficoltà procedurali AIFA. La gestione di pazienti complessi rappresenta ad oggi un modello di lavoro integrato tra specialisti dove la scambio di informazioni ed il coordinamento delle varie figure coinvolte è fondamentale per ottimizzare i risultati terapeutici ed utilizzare in modo razionale le risorse disponibili.                                            La prevenzione cardiovascolare, priorità indicata dalla linea guida, e la gestione della terapia in pazienti con plurime problematiche, sottoposti a procedure sempre più complesse, rende necessaria la stretta collaborazione tra specialisti in modo da creare una “rete” ospedale – territorio in grado di individuare i pazienti a più alto rischio, di stilare rapidamente un percorso diagnostico condiviso, di instaurare precocemente le terapie farmacologiche e interventistiche ottimali e di ottimizzare il follow-up. Attualmente le farmacoterapie di prevenzione del rischio cardio-cerebrovascolare e fibrillazione atriale, pur sostanzialmente efficaci, hanno aspetti talora difficili nel contesto della gestione della pratica clinica.   Il tromboembolismo in senso lato rappresenta una delle problematiche più delicate della gestione, sia per il medico che per il paziente. A circa 50 anni dall’introduzione della terapia anticoagulante orale con dicumarolici –TAO – si configurano nuove prerogative farmacologiche finalizzate a rendere detta terapia più efficace e di più semplice gestione. In considerazione di ciò il trattamento del rischio cardio-cerebrovascolare nei pazienti con fibrillazione atriale implica un aggiornamento sul tema ed un approfondimento di alcuni elementi chiave che coinvolgono aritmia e gestione clinica della TAO stessa.
 
Nella seconda parte del progetto verrà offerto al medico specialista un aggiornamento “pratico” sulla Cardiologia Diagnostica e sugli esami di imaging 3D utili per la diagnosi precoce della fibrillazione atriale e per lo studio del danno cardiovascolare. Nello specifico:

Iscriviti all'evento


AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DATI
Il sottoscritto dichiara di aver ricevuto l’informativa di cui all’art. 13 del D. Lgs 196/2003 ed esprime il suo consenso previsto dagli articoli 23 e ss. della citata legge, al trattamento ed alla comunicazione dei suoi dati da parte vostra per le finalità precisate nell’informativa, compreso quanto al punto 2.
I authorise the use of my personal data in compliance with Legislative Decree 196/03. I authorise the processing of my personal data. I hereby authorize the use of my personal details solely for circulation within the company in relation to the Italian Legislative Decree n° 196/2003

Il sottoscritto, acquisite le informazioni di cui all’art. 13 della D. Lgs. 196/2003, ai sensi dell’art. 23 della Legge stessa, conferisce il proprio consenso al trattamento delle proprie fotografie ed immagini.
I authorise the processing of my personal information under D.Lgs. 196/03.I authorise the processing of my personal data for personnel research and selection purposes under D.Lgs. n.196 of 30/06/2003.


Location